copertina

Appartamenti da Giorgio

Alleghe e Caprile

Appartamenti


Lago di Alleghe


Itinerari





Sciare ad Alleghe, consigli utili.

Copertina sciare ad Alleghe

Questa pagina nasce con l’intento di orientare velocemente tutti gli interessati a sciare nel comprensorio di Alleghe, offrendo un riassunto di come è organizzata l’area, di come raggiungerla e di come muoversi attorno ad essa.



Raggiungere gli impianti di Alleghe.

Gli impianti sciistici di Alleghe sono comodamente raggiungibili in auto e anche utilizzando altri impianti (Palafavera, Pescul).

Per sciare partendo dal centro di Alleghe bisogna raggiungere gli impianti sciistici, essi si trovano a ridosso del curvone di Corso Venezia appena prima del centro. Li potete vedere cliccando QUI (link Google Mappe).

Per più specifiche indicazioni su come raggiungere la cabinovia, suggeriamo di leggere la sezione come raggiungerci. Essa riguarda gli appartamenti “da Giorgio” ma Alleghe e Caprile sono vicinissimi: solo quattro chilometri di distanza. Le indicazioni perciò sono le stesse.

L’impianto di risalita è molto veloce, la biglietteria al check-in è generalmente molto efficiente, raramente si fa la coda. Non si aspetta mai più di 5-6 minuti, e, in poco tempo, si è già in pista pronti per sciare.

NOTA: Si consiglia a tutti di vestire un abbigliamento adeguato. Seppure ben attrezzate la maggior parte delle piste da sci sono collegate da seggiovie che non riparano dal vento e dal freddo. In questi momenti il corpo, obbligato a rimanere fermo, si raffredda e diventa vulnerabile ai diversi agenti atmosferici.


Tutti i minori al di sotto dei 14 anni devono obbligatoriamente indossare un casco di protezione.



Allacciamenti con altri impianti.

La cabinovia di Alleghe conduce i suoi passeggeri a una piana che sovrasta a est il centro abitato: è il pian di Pezzè (1470 metri): una piana che si trova sul versante ovest del costone sopra le frazioni Coldemies e Pradèl, a nord di Alleghe.

In questo luogo si può ammirare la maestosa parete nord-est del Monte Civetta.

Dal pian parte una pista di difficoltà rossa (per un breve accenno sulla difficoltà delle piste consulta la sezione in fondo a questa pagina) che riporta agli impianti di risalita in fondovalle e una seggiovia che sale alla stazione Col dei Baldi (1920 metri).

Col dei Baldi rappresenta uno snodo strategico per sciare all’interno del grande comprensorio sciistico perché mette in contatto la val di Zoldo con quella di Alleghe.

Da esso infatti, attraverso piste blu e rosse, si può scendere a Malga Pioda (1816 metri) e tornare al Pian di Pezzè. Da Malga Pioda, attraverso pista blu, si può raggiungere anche una stazione intermedia di Palafavera. Da questa, attraverso piste blu, si può scendere alla stazione omonima (1521 metri) oppure, attraverso pista rossa, raggiungere la stazione di Pecol (1388 metri).

Da qui salendo su ovovia si possono sciare tutte le piste di Crep de Pecol e Col della Grava.

Da Palafavera si risale alla stazione intermedia tramite skilift, mentre da Pecol montando su seggiovia.

Da qui si può anche salire su seggiovia e portarsi alla stazione Col di Dof che è collegata a Malga Pioda tramite breve pista blu.

Se da Col dei Baldi invece si sceglie di salire alla stazione del Monte Fernazza (seggiovia) si potrà accedere al Prà della Costa e scendere a Pescul (Selva di Cadore) su piste rosse. Da Pescul si risale alla stazione del Monte Fernazza attraverso due segmenti di seggiovie. Dalla stazione Monte Fernazza si ritorna al Col dei Baldi attraverso piste blu.

Alleghe quindi apre su un grandissimo mosaico di tracciati e discese adatte a tutti quanti, sia per tipologia che per vastità. Si tratta dunque di luogo di partenza ideale per le vostre sciate in Dolomiti.

L'immagine presente cliccando a QUESTO LINK riassume in maniera schematica ed efficace i diversi allacciamenti descritti.



Parcheggi.

Il parcheggio principale è molto grande e si trova proprio di fronte all’impianto di risalita di Alleghe. Tuttavia in stagione risulta sempre difficile trovare posteggio a causa del carico di sciatori che giungono da tutta Italia. È quindi consigliato arrivare presto al mattino, possibilmente prima delle 9:00, orario in cui si registra l’inizio del rande traffico, soprattutto nel week end. Durante gli altri giorni della settimana invece la situazione risulta essere molto più tranquilla, escludendo i periodi di vacanze scolastiche, ferie lavorative e i ponti delle feste da calendario.

Da Alleghe, in auto, si può anche raggiungere il grande parcheggio del Pian di Pezzè (che in stagione invernale è a pagamento) attraverso la strada che porta a Località Coi. Potete vedere QUI l’area (link Google maps).

Da Alleghe si impiegano circa dieci minuti per raggiungere questo parcheggio (la strada da percorrere è di circa cinque chilometri su tornanti). Risalendo con gli impianti il tempo risulta assai più breve.

Le piste.

Le piste sono ben tenute e curate sotto tutti i punti di vista dai diversi operatori degli impianti. É un vero piacere percorrerle con lo snowboard o con gli sci.

La pista di Alleghe è rossa, ripida, con un paio di muri brevi ma verticali, che nei giorni più freddi ghiacciano e in primavera presentano una manto nevoso assai molle. Un tracciato questo che si consiglia agli sciatori più esperti.

Esso è indicato da due cartelli: uno prima dei piani di Pezzè e uno quasi a ridosso, in modo da avvisare con la dovuta attenzione tutti gli sciatori. Chi non se la sente e vuole tornare ad Alleghe senza affrontare la pista rossa può scendere in cabinovia. Sul pian di Pezzè invece le piste sono generalmente piane e larghe, adatte davvero a tutti.

Gli impianti di Alleghe sono forniti di cannoni per la creazione della neve artificiale. Un piccolo arsenale che permette di sciare anche in caso di scarso innevamento.

La prima parte dell’inverno 2015-2016, ad esempio, è stata caratterizzata da una mancanza totale di precipitazioni nevose e temperature sopra la media. Tuttavia le piste da sci di Alleghe offrivano lo stesso un’ottima opportunità per divertirsi, permettendo a tutti di sciare già durante le prime settimane di dicembre.



Noleggio attrezzature.

Alleghe è anche fornita di due noleggi per attrezzature sciistiche (bastoncini, scarponi, sci, tavola da snowboard) e di tutto l’occorrente per sciare. Essi sono gestiti dai figli della famosa guida alpina della zona Olindo de Biasi.
In questi noleggi si può trovare tutto il materiale adatto alle proprie esigenze. I noleggiatori sono esperti e preparati e permetteranno alle persone che vogliono sciare senza acquistare tutta l’attrezzatura di sperimentare, almeno per un giorno, la bellezza di scivolare sulla neve.

La prima struttura per il noleggio si trova nei pressi degli impianti di Alleghe, a fondovalle, l’altro invece alla piana in alto. Quest’ultimo svolge anche mansioni di laboratorio sci per interventi di manutenzione, cambio sciolina, revisione lame ecc…



Campo scuola e snow-park.

Il campo scuola-sci attrezzato con seggiovia baby che si trova sul Pian di Pezzè è un tracciato breve e poco pendente perfetto per chi è alle prime armi e vuole fare pratica ma anche per gli esperti che vogliono perfezionare la propria tecnica.

Diversamente da altri questo campo scuola propone una pista con una pendenza limitata e continua per un buon tratto, ottima quindi per sciare in controllo e sicurezza. A fianco invece trova spazio un piccolo snow-park con rampette e saltini, divertentissimo per i bambini.

Recentemente per chi volesse cimentarsi in salti acrobatici più complessi c’è anche la possibilità di usufruire di una rampa dotata di big-air (un grosso materasso ad aria) in area di atterraggio.


All’interno del park è obbligatorio indossare un casco di protezione.



Tabella difficolta piste discesa.

Esistono tre categorie di piste da sci. Ognuna si riferisce a un livello di difficoltà ed è contrassegnata da un colore distinto. Questo tipo di codice è utilizzato da tutti gli impianti italiani. Esso infatti è stato regolamentato dall’Ente Italiano di Normazione (UNI, www.uni.com) e rappresenta un codice internazionale.

La difficoltà di un tracciato è direttamente proporzionale alla sua pendenza. I dettagli si possono trovare nella norma UNI 8137:2003 (Segnaletica specifica per piste da sci - Caratteristiche).

NOTA: In alcune località è ancora possibile trovare il colore azzurro o verde per indicare le piste facili. Tuttavia questo tipo di segnaletica risulta obsoleto e sempre meno utilizzato.


  • Piste blu. Sono le più facili, la loro pendenza non supera i 25°. Generalmente si tratta di tracciati molto facili utilizzati dai principianti oppure da chi vuole perfezionare determinate tecniche e movimenti. Su queste pendenze risulta davvero difficile raggiungere velocità e la sensazione, anche per i meno esperti, è di avere sempre il controllo della situazione.
  • Le piste segnate di rosso. Si tratta di piste che non possono superare i 40° di pendenza. Rappresentano la maggior parte dei tracciati nei comprensori sciistici italiani. Spesso vengono considerate abbordabili ai più, tuttavia esse vanno affrontate quando il controllo degli sci o dello snowboard è molto buono, per evitare pericolosi ruzzoloni o scontri con gli altri sciatori.
  • Le piste nere. Sono discese che raggiungono e talvolta superano il 75% di pendenza. Si tratta di veri e propri “muri” (come vengono definiti in gergo sciistico) che, per essere affrontati, richiedono l’esperienza di uno sciatore capace. In caso di basse temperature il fondo della pista ghiaccia e la difficoltà tutte le piste aumenta esponenzialmente.


Sciare: buon senso e sicurezza.

Alcune semplici regole che, se rispettate, permettono a tutti di sciare col massimo del divertimento e nel rispetto di tutti.


  • Ogni sciatore deve stabilire una traiettoria sicura per sé e per gli altri, sempre.
  • Si può superare altri sciatori sia a destra che a sinistra, valutando sempre di non mettere in difficoltà le altre persone con le proprie manovre.
  • Agli incroci vige l’obbligo di dare la precedenza a chi proviene da destra a meno che non sia indicato diversamente da apposita segnaletica o dagli operatori degli impianti.
  • In caso di scarsa visibilità la velocità deve essere moderata, specialmente in aree in cui sono presenti biforcazioni, bivi, muri ripidi, bambini o persone poco esperte.
  • È vietato percorrere le piste da sci a piedi, eccezione fatta per i casi di comprovata urgenza e necessità.
  • In caso di incidente chiamare immediatamente i soccorsi, avvalendosi anche dell’aiuto del personale addetto agli impianti. Questo spesso risulta essere il miglior modo di intervenire.
  • In caso di collisione tra sciatori individuare i soggetti coinvolti e descrivere la dinamica dello scontro alle autorità competenti intervenute, proprio come si farebbe in caso di incidente stradale.
  • E’ obbligatorio fermarsi e prestare aiuto se si osserva la presenza di feriti. L’omissione di soccorso è punita dalla legge.
  • Chi scende a piedi per qualsiasi ragione è obbligato a rimanere fuori dai confini della pista e di tenere la destra.
  • È vietato sciare fuori pista a ridosso delle piste da sci attrezzate. Eventuali valanghe poste in essere da questo tipo di comportamento rappresenterebbero un grande pericolo qualora dovessero raggiungere le piste da sci attrezzate. È inoltre una condotta severamente punita dalla legge.